Focus sulle licenze di seconda mano: una scelta economica ed ecologica !

 In Senza categoria
illustration1

La trasformazione digitale e la necessita di mobilità hanno modificato la cultura e l’organizzazione delle aziende, che devono adattarsi velocemente a questi cambiamenti predisponendo nuove postazioni di lavoro e adeguando il loro stock
di licenze.

L’impatto di questo cambiamento digitale è evidente anche sui budget aziendali dove la quota di spesa destinata all’acquisizione di licenze software è in forte crescita, rappresenta tra il 20 e il 40% del budget IT.

La gestione delle risorse software è al centro di tutte le questioni aziendali.

Quali alternative ?

Sempre più aziende optano per il software di seconda mano. A parità di prestazioni, i costi di acquisizione sono notevolmente inferiori (fino al 70%)rispetto a quelli del nuovo.

Molte aziende ignorano questa possibilità   essendo prima vietata la vendita di licenze di seconda mano.

Il commercio di software “second hand” è legale dalla sentenza C128-11 della Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) del 3 luglio 2012.

Il mercato europeo dell’usato è in crescita ed è attualmente uno dei più dinamici registra una domanda crescente da parte degli acquirenti pubblici.

In questo contesto senza precedenti, dove è necessario garantire la continuità lavorativa, e al contempo risparmiare, l’acquisto di licenze software di seconda mano è la risposta.

Cosa sono le licenze di seconda mano ?

Le licenze di seconda mano note anche come “second-hand” sono licenze già state acquistate da un utente ma che non sono più (o non sono mai state) utilizzate.

Il 25% delle licenze acquistate non viene o non viene più utilizzato dalle aziende

Queste licenze inutilizzate sono il risultato di acquisti “sovradimensionati”, migrazione a una nuova tecnologia, cambio del software, ridimensionamento, liquidazione, … ecc Il mercato delle licenze di seconda mano ha un potenziale valore di mercato di 5 miliardi di euro.

Quali sono i vantaggi delle licenze di seconda mano?

Sempre più aziende stanno passando a soluzioni software rigenerate. A parità di prestazioni, i costi di acquisizione sono notevolmente inferiori (fino al 70%) rispetto a quelli del nuovo software. Oltre al risparmio economico il mercato di seconda mano consente alle aziende di acquisire agilità e flessibilità. Alcuni vantaggi sono:

  • Trovare versioni che non sono più vendute,
  • Adeguamento delle licenze all’utilizzo effettivo (aumento / diminuzione del personale),
  • Ottimizzazione della licenza (acquisti inutili evitati),
  • Acquisizione della licenza nella sua versione finale con possibilità di passaggio alla versione precedente,
  • Prolungamento della scadenza del cloud
  • (principio di sicurezza dei dati per coloro che desiderano rimanere in sede),
  • Riutilizzo di vecchie versioni anche non supportate,

Liberati dal ciclo di vita del prodotto dell’editore.

Un quadro giuridico sicuro

E’ essenziale appoggiarsi ad un fornitore esperto quando si acquista / vende un software usato. Infatti, il processo di trasferimento deve essere gestito nel rispetto della legislazione vigente.

Richiedi ad ITANCIA le licenze di seconda mano!

ITANCIA ti supporta in tutto il processo!

Ci occupiamo di tutta la parte amministrativa per la vendita e certifichiamo che le licenze vendute rispettano pienamente il quadro giuridico.

Fattura e BL a nome del cliente con il trasferimento del diritto di utilizzo della licenza.

Contatta il tuo commerciale di riferimento per saperne di più.

Recent Posts